In Evidenza
LINKS
Per una nuova generazione di «liberi e forti» La rilettura dell’Appello ai «liberi e forti» a cento anni dalla sua stesura offre numerosi stimoli per il nostro tempo non tanto a livello di soluzioni, ma di indicazioni sul modo di essere presenti e partecipare al dibattito politico. leggi tutto >>>
«Siamo autorizzati a pensare. È questa la sostanza della riflessione che mi permetto di offrire alla città in occasione della festa del patrono sant’Ambrogio. È questo il percorso promettente che mi dichiaro disponibile a continuare insieme con tutti coloro che abitano in città e ne desiderano il bene. Siamo autorizzati anche a pensare!». Esordisce così l’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, nel suo tradizionale Discorso alla Città, pronunciato giovedì 6 dicembre nella Basilica di Sant’Ambrogio, davanti alle autorità civili, militari, religiose e al mondo dell’economia e del lavoro. In un’epoca dominata da populismi e fanatismi, per costruire il futuro nel Discorso alla Città l’Arcivescovo rivolge un invito «ad affrontare le questioni complesse e improrogabili con quella ragionevolezza che cerca di leggere la realtà con un vigile senso critico e che esplora percorsi con un realismo appassionato e illuminato». In allegato il testo integrale >>> VIDEO INTEGRALE DEL DISCORSO >>>
Societa’ e Politica
Commissione Socio-Politica Decanato di Bollate
LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE NEL CASO DICIOTTI Leggi la relazione del Tribunale di Catania (Sez. reati ministeriali)  >>> Al di là della decisione che il Parlamento sovranamente vorrà assumere, ci pare importante che l’opinione pubblica sia resa consapevole dell’importanza della decisione che il Senato è chiamato a prendere. Si tratta di capire sino a che punto l’attuazione di una pur legittima pretesa politica possa andare ad incidere sui diritti fondamentali delle persone, e su dove di conseguenza sia fissato il limite che in uno Stato democratico non può essere superato dall’azione di governo. Su un tema di tale portata, sarebbe fondamentale avere un’opinione pubblica capace di prendere posizione in modo consapevole. I limiti al potere politico devono trovare affermazione, se necessario, anche di fronte alle Corti supreme, italiane e europee; ma il vero fondamento dei valori affermati nelle Carte dei diritti fondamentali e nella Costituzione sta solo nella condivisione di tale valori da parte dei consociati, e la vicenda della Diciotti può essere una occasione preziosa per condurre il dibattito pubblico a riflettere seriamente sulla pericolosa direzione che sta prendendo, anche nelle ore in cui si scrive, la politica governativa in materia di soccorso e assistenza ai naufraghi provenienti dalla Libia. Chi fissa e quali sono i limiti all’azione politica del Governo in uno Stato democratico? di Luca Masera, professore associato di diritto penale, Università degli Studi di Brescia leggi tutto >>>
L’Alleanza contro la povertà in Italia, nata alla fine del 2013, raggruppa  un insieme di soggetti sociali che hanno deciso di unirsi per contribuire  alla costruzione di adeguate politiche pubbliche contro la povertà  assoluta nel nostro Paese. Nel perseguire questo obiettivo, l’Alleanza conduce un insieme di varie  attività, tra loro collegate: a) svolge un lavoro di sensibilizzazione dell’opinione pubblica,  b) promuove un dibattito basato sull’evidenza empirica concernente gli  interventi esistenti e quelli proposti, c) si confronta con le forze politiche e con le istituzioni competenti  (Governo, Parlamento, etc.), ed esercita pressione su di esse affinché  compiano scelte favorevoli alla lotta contro la povertà, d) ha elaborato una propria dettagliata proposta di riforma, per  l’introduzione del Reddito d’Inclusione Sociale (Reis).  Di seguito la sua posizione del 23 gennaio 2019 rispetto al Reddito di Cittadinanza [PDF] e quella elaborata  con le proposte di modifiche al testo di legge [PDF] dopo l’audizione in Commissione permanente (Lavoro  pubblico e privato, previdenza sociale) del Senato del 5 febbraio 2019. 
 www.autorizzatiapensare.it HOME SPECIALE EUROPA SOCIETA' e POLITICA ECONOMIA e LAVORO CULTURA e LEGALITA' PACE e AMBIENTE